Monday, 31 August 2015

Un giorno inutile

Uno di quei giorni,
Un giorno inutile.
Un giorno in cui ti senti inutile.
Un giorno cosi' dovrebbe essere cancellato.
Dovrei lasciar andare, ma non posso.

Uno di quei giorni,
Un giorno in cui sei inutile.
Un giorno in cui non puoi smettere di pensare.
Un giorno cosi' lo dovrei semplicemente lasciar andare.

Un giorno in cui non hai uno scopo,
Un giorno senza scopo come la pioggia che cade fuori dalla finestra.
Un giorno in cui non puoi smettere di ricordare.
Dovrei semplicemente lasciar andare.

Ma non so come fare.

Stranger in a strange land 2


Stranger in a strange land


Friday, 28 August 2015

There's a killer on the road...

...girl make him understand.


The Big Fraud of Gender Theory #4



So far we have seen that some aspects of human nature depend on biology and that culture can tame them only partially. They are still there, waiting for something to trigger them.

Wednesday, 26 August 2015

War between brothers


Misogyny 2



Do you think that what I wrote is wrong? Is not concealing part of woman's nature? Come on! It's what all of you do. No, I'm not unfair in judging women so. I'm simply acknowledging what the fact of matter is, proved by centuries of feminine behaviour. Whatever is the pleasure or the satisfaction a man can get from a woman, it's something he will pay dear. Don't even think it! It's not me who says that men are better than women. Maybe they are even worse, but this is not my problem: it's a women's problem. But it doesn't change that, whether he deserves it or not, sooner or later any man will receive a stab in the back from the woman closest to him. And more of himself he has given to her, deeper the wound will be when the understanding comes, that very little really is as it was shown. You cannot avoid to deceive us, it's just a matter of time before it happens. You do it for anger, to make us pay, and you do it for love, to "protect" us. What you say? That you have never dissimulated with me? I didn't say that every woman deceives me. I said that all women deceive. And being here with me, in this moment, isn't it implying that your are deceiving your husband?



As soon as he arrived, he proceeded to the sultaness's apartment, commanded her to be bound before him, and delivered her to his grand vizier, with an order to strangle her, which was accordingly executed by that minister, without inquiring into her crime. The enraged prince did not stop here, but cut off the heads of all the sultaness's ladies with his own hand. After this rigorous punishment, being persuaded that no woman was chaste, he resolved, in order to prevent the disloyalty of such as he should afterwards marry, to wed one every night, and have her strangled next morning.

-One thousand and one night     

Tuesday, 25 August 2015

Let Me Bring You Down 19








So choosy about men, but it's undeniable that
when women come to chose their own man
more often than not they make a really poor choice.


Monday, 24 August 2015

Books




















Kydoimos

Il centro dell'universo e' perduto, oramai, ed ogni spostamento non ha piu' un punto di riferimento; un rondo' sguaiato conduce danza dopo danza attraverso una serie apparentemente infinta di paesaggi spettrali, dove si assaggiano uno dopo l'altro frutti insapori nella speranza di scoprirne uno degno e si finisce per inebriarsi con bevande stucchevoli. Satelliti sfuggiti alla loro orbita percorrono velocemente il cielo per poi scomparire, sorvolando alti una terra brulla e brulicante di ombre, tutte in cerca di un sole. I colori sanguinano nelle tenebre, invano tentano di conquistarle. I lacci sono stati tagliati, gli ultimi sigilli aspettano di essere infranti, cosi' che Kydoimos possa essere definitivamente sciolto, libero di percorrere il mondo degli uomini. Il terreno soffice cede lentamente sotto i piedi, preparandosi a slittare a valle in una fuga di trasformazione. Prepararsi ad una lotta senza speranza, oppure fuggire verso luoghi che non esistono piu' nell'immaginario collettivo. Rimangono da visitare solo fortezze vuote, al tuo cammino si dischiudono unicamente sentieri troppo battuti e brevi, le sole soste ammesse sono in angoli nascosti dove grevi odori stagnano. Quando il vento soffia il pattume si deposita in mucchi contro i muri del cuore, muri imbrattati da graffiti osceni.



The centre of the universe is lost by now and every move has no reference point anymore; a coarse rondo' guides, dance after dance, through an apparently infinite series of ghostly landscapes, where we try one after the other tasteless fruits hoping to find a worthy one and we end up intoxicated with sickly sweet drinks. Satellites escape their own orbits and disappear, flying swiftly the sky over a stark land swarming with shades all looking for a sun. Colours bleed into the darkness, in vain they try to conquer it. The laces have been cut, the last seals are waiting to be shattered so that Kydoimos will be finally unleashed, free to ride men's world. The soft soil slowly yields under the feet, preparing to slide down to the valley in a getaway of transformation. Be ready for a hopeless fight or to escape towards places which don't exist anymore into the collective memory. Just empty fortresses remain to visit, only widely-known and too short paths open in front of your way, breaks are admitted only in concealed corners where heavy odours stale. When the wind gusts the debris pile up against the heart's walls, walls stained with obscene graffiti.

Monday, 17 August 2015

Misogyny

The woman's body is a call to violence, I told you once, with you laying naked on my bed. Her soul is a call to disdain, I add now. It's a sentiment which surges inside me, the disgust; a blunt anger which I cannot avoid to extend to the all gender. Deceit is woman's nature, you don't want and so can't avoid to do it. It's not possible to know when you are lying, but that you will lye that's for sure. If not today nor yet tomorrow, maybe another day.
It's a pity, for I felt well with you: I knew you're not what I need, but you had been comprehensive on what with all the others, sooner or later, had become a problem. And for that I was grateful. But then you have decided to make fun of me, even though you hadn't necessity of it. You have wanted to anger me and got the best result you could aim for. You made me look ridiculous, even though I didn't deserve it: to give something of yourself to a woman is the most useless thing a man can do, because sooner or later she will throw him away, in the same way she lets an used napkin drop on the road. You are not worth the effort you require. You promise to give your tenderness, but then you take it back, like an usurer takes his money back with the interests, taking away part of your life and living you poorer and more in need than before.


One man among a thousand I found,
but a woman among all these I have not found.

                              -Qohelet



Let Me Bring You Down: Misogyny




Let Me Bring You Down 15





Little Red Cap (Russian version)


-Grandmother, what a big eyes you have!

-Grandmother, what a big ears you have!

-Grandmother, what a big teeth you have!














"This is why I don't like you so much!

Mostrarsi completamente nudi

Stai attento, racconti troppo di te stesso nel tuo blog. Non hai paura che qualcuno lo usi per ferirti?


E come potrebbero usarlo? Cosa potrebbero farmi? Il senso di colpa che altre persone possono infliggerti e' qualcosa che ho gia' sperimentato, mentre con quello autoinflitto ci convivo ormai da tempo. Quello del fallimento e' un sapore che conosco fin troppo bene, e sono gia' passato per le mani di chi voleva solo usarmi e mi ha lasciato nei guai. Lo stordimento e la confusione che si provano quando perdi il controllo della situazione posso dirti che sono esattamente uguali a quelli che provi quando ti prendono a pugni in faccia. Ancora ricordo come sia pungente quel dolore che ti nasce dentro il petto quando scopri di essere stato tradito da chi ami e come poi si allarghi a minare la tua forza di volonta'. Il senso di inutilita' e la sensazione che ti possiede quando realizzi che qualsiasi azione tu intraprenda e' inutile e che gli eventi seguiranno il loro corso a tuo discapito, sono ormai dei vecchi amici. E la solitudine, quella sensazione di essere completamente isolato da ogni altro essere umano, perche' non c'e' piu' nessuno con cui puoi condividere pensieri e sentimenti, mi sta gia' mordendo il cuore, a me che non ho mai passato un singolo giorno da solo fino ad oggi.



Quindi dimmi: cosa pensi che le persone possano farmi di peggio anche se mi mostro loro completamente nudo?


Misoginia 3

   


-E' sconfortante scoprire come voi donne siate affette dagli stessi difetti che cosi' spesso rinfacciate agli uomini.
         -Vuoi dire che siamo uguali?! Non e' vero! Diccene uno.
-La superficialita'.
-Cosa?!
-Guardate solo all'aspetto fisico e poco piu'. Se un uomo non e' attraente lo scartate senza possibilita' di appello. Neanche lo volete conoscere meglio. E non serve certo andarci a letto, con un uomo, per conoscerlo un poco. Basterebbe parlarci, metterlo a suo agio e farlo rilassare. Ma chissa' perche', sono solo gli uomini di bell'aspetto, o quelli con un carattere dominante, quelli a cui parlate. Fate tanti bei discorsi sulle buone qualita' che cercate in un uomo, poi e' ben altro cio' che vi attrae veramente.
-Scusa, ma se un uomo non mi piace non posso farci niente. Ci deve essere la chimica.
-Bah! La chimica. Quello di cui parli non e' chimica. E' arrapamento! E' il bagnarti fra le cosce quello che ti serve, ma non hai l'onesta' di dirlo e allora chiami in causa la chimica. Ma la chimica e' altro, e' quella cosa che fa innamorare le donne di uomini che altrimenti non troverebbero attraenti.
"Non mi guardare in quel modo. Smetti di fare l'offesa che tanto sai che ho ragione io. Pensa semplicemente a come rimanete scottate da tante relazioni. Quelle relazioni che avete cominciato perche' c'era la "chimica". Siete falene attratte dal fuoco.

What are you worth...

...the things you love
or the people you hurt?




Sunday, 16 August 2015

Walking the Labyrinth

Solo chi e' felice puo' uscire dal Labirinto, ma solo fuori del Labirinto si puo' essere felici. Solo l'amore puo' portare la felicita', ma solo chi e' felice puo' trovare il vero amore. Solo un nuovo amore puo' cancellare il vecchio, ma non ce ne sara' uno nuovo fin quando non avrai cancellato il vecchio. Del resto, non abbiamo costruito il Labirinto come un luogo in cui essere felici. Lo scopo del Labirinto e' quello di metterci alla prova, valutarci e permetterci di crescere e migliorare. Oppure morire nel tentativo. Cerco di venire a patti con me stesso, conscio e allo stesso tempo ribelle all'idea che la mia felicita' non dipende dal vivere in un luogo oppure in un altro, perche' il mio malessere lo porto sempre con me, e che la differenza non la fa la presenza o l'assenza di una particolare persona. Perche' i sensi di colpa sono qualcosa di intimo e personale che rende il dischiuderne lo scrigno ad occhi altrui un peccato capitale sempre retribuito col massimo della pena. Percorriamo il Labirinto, consapevoli o meno, e non c'e' mai possibilita' di tornare indietro sui nostri passi.


Only the person who's happy can leave the Labyrinth, but only outside of the Labyrinth happiness is possible. Only love can bring happiness, but only the person who's happy can find true love. Only a new love can remove the old one, but you'll never find a new love until you have removed the old one. After all, we didn't build the Labyrinth as a place where to be happy in. Labyrinth's purpose is to prove and assess us, to give us the chance to grow and improve. Or to die in the attempt. I try to come to terms with myself, aware and rebel at the same time to the idea that my bliss doesn't depend on living in a place instead that in another one, because I always bring my malady with me, and that the presence or the absence of a person doesn't make the difference. For guilt complex is something of intimate and personal which makes disclosing its coffer to other people's eyes a capital sin always paid with the maximum penalty. We walk the Labyrinth, aware or not, and never we have the possibility to go back to where we come from.

Cuddling


Saturday, 15 August 2015

Maybe I like that I'm not alright



Am I sick?
Or am I gifted?
Is there any difference?

Maybe I'm just crazy :)

Dormi, piccola mia

Dormi, piccola mia, le foglie frusciano
E gli alberi ti sussurrano da fuori della finestra,
Il vento che attraversa i rami ti racconta di domani.
Adesso chiudi i tuoi occhi e in un momento dormirai,
Nei tuoi sogni puoi sentire il quieto respiro della Terra,
La madre dei fiori protegge il tuo riposo.
La loro canzone risuona cosi' saggia
Dalle ere delle ere,
Cullati al ritmo gentile del tuo cuore.
La luna e' nel cielo,
Le nubi sono di passaggio
E le stelle luccicano solo per te.





Circa 70.000 anni fa, l' Homo sapiens lascio' la sua culla di origine nell' Africa dell'Est in una migrazione che lo porto' inizialmente sulla Penisola Arabica. Da li' comincio' a spargersi in nuove terre della massa Eurasiatica e a colonizzarle. Quelle terre erano gia' abitate da altre razze umane, fra le quali la piu' nota a noi era quella dei Neaderthal, insediati in gran parte d'Europa e del Medio Oriente. Quando Sapiens e Neanderthal vennero in contatto, dopo millenni di separazione, il gap genetico fra le due razze era gia' incolmabile e l'interbreeding impossibile se non in casi eccezionali. Nei millenni seguenti i Sapiens rimpiazzarono i loro fratelli nell'intero globo terrestre, in parte assorbendo le altre razze. Tale sostituzione, pero', avvenne principalmente in un piu' traumatico modo, scrivendo una storia di incompatibilita', repulsione e, infine, genocidio.



Marton fu svegliato di soprassalto dal grido di sua figlia Bianka. Senza neanche rendersene conto corse fuori della camera, al buio, a piedi scalzi. L'urlo si ripete' mentre lui letteralmente volava per il corridoio e apriva la porta della cameretta. Un terzo urlo inizio' nel momento in cui le sue dita si posavano sull' interruttore della luce. Sua figlia era seduta sul letto, le lenzuola un groviglio intorno alle gambe, gli occhi sbarrati e la gola tesa nel gridare, la bocca spalancata. Un'occhiata veloce non rivelo' niente di strano e tanto meno pericoloso nella cameretta. La paura slitto' in un meno eccitato stato di preoccupazione, mentre si avvicinava al letto e la piccola smetteva di gridare per riprendere fiato.
-Amore? Che succede?- chiese dolcemente alla bambina. -Un incubo?
Sedendosi sul bordo del letto allungo' una mano.
-Calma, piccola. C'e' papa' con te.
Gli occhi sbarrati della bambina si puntarono su di lui e un nuovo grido esplose dalla piccola bocca spalancata.
-Via! Lasciami! Lasciami!- urlo' istericamente la bambina, colpendo la mano protesa del padre e cercando di allontanarsi da lui, ma impedita nel tentativo dalle lenzuola che le avvolgevano le gambe.
Colto di sorpresa Marton si ritrasse, ed in quel momento si senti' afferrare per una spalla. -Scostati!- gli sibilo' nell' orecchio sua moglie con tono duro, strattonandolo per farlo alzare dal letto. Sentendosi peggio che se fosse stato preso a schiaffi, Marton fece spazio a sua moglie Nora e si ritiro' sulla porta, da dove rimase a guardarla abbracciare la figlia e parlarle mentre la stringeva in un abbraccio. Quando l' urlo si spense la bimba prese dei respiri in singulti, che divennero ben presto i singhiozzi di un pianto dirotto.
In quel momento Marton si senti' tirare per la manica del pigiama. Guardando in basso incontro' gli occhi perplessi di suo figlio.
-Noel, mi spiace tu ti sia svegliato.
-Che cos' ha Bianka?- chiese il bambino.
-Ha avuto un incubo, niente di grave. Le passera'.
-Anch' io ho fatto un sogno.
-Hai avuto un incubo anche tu?
Noel strinse le labbra, con espressione concentrata, quindi scosse la testa.
-Era un bel sogno, allora.
Noel abbasso' gli occhi per un attimo, pensandoci ancora. Poi scosse la testa nuovamente, mentre rialzava gli occhi ad incrociare lo sguardo del padre. -C'era una bambina-, disse.
Marton sorrise, posando una mano sulla testa del figlio ed arruffandogli i capelli. -Se c'era una bambina, allora vale sicuramente la pena di riprendere il sogno. Vieni.- E con un ultimo sguardo a Nora che ancora stava cullando la piccola, sospinse Noel su per il corridoio.
-Era strana-, disse Noel.
-Strana?
-La bambina.
-La bambina del sogno era strana? A volte capita che cio' che sogniamo sia strano.
Dai, torna a letto e rimettiti a dormire, peste.
Marton guardo' suo figlio mettersi a letto e tirarsi le coperte fin sopra il mento.
-Chiudi gli occhi.
Noel chiuse gli occhi, strizzandoli. Con un sorriso Marton spense la luce e torno' indietro. Nora lo intercetto' appena fuori della porta della camera di Bianka.
-Scusa per prima-, gli sussurro'. -Ma la tua presenza la spaventava di piu'. Non ti aveva riconosciuto.
Lui sorrise. -Non c'e' problema. Bianka si e' calmata?
-Solo un poco.- La voce di lei suono' preoccupata. -Passo il resto della notte con lei, se non ti dispiace. Non sono riuscita a farmi dire cosa abbia sognato. E mi sa che domani la tengo a casa.
-D' accordo-, annui' Marton.
-Posso stare a casa anche io, domani?- chiese Noel dalla porta di camera sua.
Marton e Nora si girarono verso di lui.
-No, peste-, gli rispose Marton con un sorriso. -Tu andrai a scuola regolarmente. Percio' torna a letto, ora.
Con uno sbuffo Noel si giro' per tornare in camera.
-Andresti a scaldare un bicchiere di latte per Bianka?- chiese Nora.
-Certo.
-Anch'io voglio il latte!- esclamo' Noel.
-Va bene, peste! Pero' torna a letto.
Marton scese in cucina, cominciando a sentirsi assonnato, ora che l' adrenalina prodotta dallo spavento aveva esaurito il suo effetto. Inciampando a meta' strada raggiunse il frigorifero, prese la bottiglia del latte e ne verso' in due bicchieri che mise insieme nel microonde. Mentre il latte si scaldava prese il barattolo del miele ed un cucchiaio; al suono del campanello del microonde apri' lo sportello e, con gli occhi che gli si chiudevano per il sonno, mise un cucchiaio di miele in ciascun bicchiere. Lascio' cadere il cucchiaio nel lavandino, prese i bicchieri e torno' al piano di sopra, la bottiglia del latte dimenticata sul piano della cucina.
Avvicinandosi alla camera di Bianka udi' sua moglie cantare alla bimba una ninna nanna.

Dormi, piccola mia, le foglie frusciano
E gli alberi ti sussurrano da fuori della finestra,
Il vento che attraversa i rami ti racconta di domani.
Adesso chiudi i tuoi occhi e in un momento dormirai.

Fermo fuori della porta Marton rimase ad ascoltare la voce di sua moglie, un sorriso assonnato appena accennato sulle labbra.

Nei tuoi sogni puoi sentire il quieto respiro della Terra,
La madre dei fiori protegge il tuo riposo.
La loro canzone risuona cosi' saggia
Dalle ere delle ere,
Cullati al ritmo gentile del tuo cuore.
La luna e' nel cielo,
Le nubi sono di passaggio
E le stelle luccicano solo per te.

-Ecco il latte-, sussurro' a sua moglie dalla soglia della camera. Nora si alzo' dal letto e ando' a prendere uno dei bicchieri.
-Grazie-, disse piano. -Chiudi la porta, per favore.
Marton annui' e, dopo aver chiuso la porta, si diresse in camera di Noel.
-Ecco il latte, peste-, annuncio' entrando.
Noel rispose con un grugnito e si giro' su un fianco, profondamente addormentato.
-Appunto.
Facendo spallucce sorseggio' il latte, spense la luce e torno' al suo letto.

Il loro odore era diverso. Rimase a guardare la donna seduta sotto un albero che cullava la bambina in lacrime. La donna si rifiutava di guardare nella sua direzione, piegata sul corpo rattrappito della bambina, ondeggiando avanti e indietro.
La loro bocca era piu' grande del normale, il naso largo alla base; la fronte era sfuggente e i capelli neri invece che marroni. Ma piu' importante di tutto, il loro odore era diverso. Per questo aveva colpito la bambina con un bastone, ferendola sulla fronte. La piccola era corsa dalla madre col sangue che le grondava sul viso.
-Stai attento.- Sentendo la voce di suo padre alzo' gli occhi.-La donna e' molto forte.
Lui annui', poi torno' a guardare la donna e sua figlia.

Stesa di fianco a Bianka, Nora la senti' agitarsi nel sonno. Un flebile gemito sfuggi' dalle labbra della bambina. Istintivamente la abbraccio', stringendola a se'. La bimba si agito' ancora un poco, poi si placo' e il respiro divenne regolare. Gli occhi di Nora si chiusero piano piano ed anche lei cadde in un sonno profondo.

-Tu no mannu!- La voce di sua madre era piena di rabbia.
-Stupida femmina! Quella bambina dimostra che sono uomo abbastanza!
Avvolta nell'abbraccio della madre, senti' l'uomo allontanarsi. Il dolore alla testa era meno intenso, ma pulsante. Poi sua madre comincio' a cantare, in una lingua che non era la lingua della tribu'. Non capiva le parole, ma delle immagini si formavano nella sua mente. I rami degli alberi ondeggiavano nel vento, e il suono delle foglie che sfregavano fra di loro era come se lo udisse con le sue orecchie. Udiva anche un respiro calmo e profondo, e sapeva che era il respiro della Terra. Il suo respiro prese il ritmo di quello della Terra e lentamente si addormento'.

* * *
Noel giocava nella sua stanza. Due serie di miniature d'auto si fronteggiavano dalle due estremita' del tappeto steso ai piedi del letto. Quelle rosse, le piu' numerose, da un lato, gli altri colori dall'altro. A turno ne faceva avanzare una di ogni schieramento e simulava uno scontro frontale. Era un gioco che ripeteva quasi quotidianamente. Cercava di essere imparziale, nel decidere quali automobiline dovessero uscire vincitrici dagli scontri, ma immancabilmente la vittoria finale era dello schieramento rosso.
Improvvisamente Noel si immobilizzo', lo sguardo fisso sulla trama del tappeto, le orecchie tese in ascolto. C'erano delle voci... alcune di adulti, molto lontane, e quella di una bambina. C'era del vento, e la voce della bambina non era chiara. Noel sollevo' la testa, poi, alzatosi in piedi, usci' di camera e raggiunse quella di sua sorella. La porta era socchiusa, e lui mise la testa dentro, per vedere se fosse stata Bianka a chiamarlo. Ma Bianka dormiva. Un sonno agitato: girava la testa a destra e sinistra, mentre braccia e gambe si contraevano irregolarmente.
Con sguardo pensieroso Noel torno' in camera sua.

Il gruppo di uomini stava seduto vicino alle tende. Parlavano, ridevano, uno era arrabbiato. La sua rabbia faceva ridere gli altri ancor di piu'. Intimorita si allontano'. Le figure minacciose degli uomini vennero quasi subito dimenticate e lei comincio' a cantare in un mormorio la nenia che sua madre le cantava sempre per farla dormire. L'erba sotto i piedi nudi, il profumo dei fiori dai cespugli, che nell'arco di due o tre lune avrebbero portato gustose bacche rosse.
Improvvisamente il bambino sbuco' da dietro i cespugli. Spaventata balzo' indietro, ma lui non si mosse. Rimaneva fermo a guardarla, annusando l'aria. Non aveva il bastone con se', ma il ricordo del giorno precedente la faceva ancora tremare. Poi vide sua madre comparire in lontananza, con un carico di legna sulle spalle, e corse da lei.

-Mamma! Guarda cosa ho disegnato!- strillo' Noel quando sua madre entro' in camera.
Nora gli sorrise, guardandolo seduto alla sua piccola scrivania, il pigiama indosso e i piedi scalzi dondolanti a dieci centimetri dal pavimento.
-Fammi vedere-, disse scavalcando le automobiline sparpagliate ovunque.
Il bambino, tutto serio, le passo' un foglio A4. Nora lo prese e lo guardo' con attenzione. Sulla destra, alcuni uomini vestiti di pelli marroni sedevano in gruppo davanti a quelle che dovevano essere delle tende. Anche i loro capelli erano marroni. A sinistra, due figure differenti si tenevanoper mano: una donna e una bambina vestite di pelli nere e coi capelli pure neri. Tra la donna e la bambina e il gruppo di uomini stava un' altra figura vestita di marrone, con in mano un bastone alzato per colpire. Come a voler scacciare la donna e la bambina. Nora corrugo' la fronte. Non le piaceva quando suo figlio disegnava scene di violenza o faceva giochi violenti. Poi noto' le scritte sotto le figure. Uomini, sotto il primo gruppo. Neandertal, senza la h, sotto le figure di madre e figlia. Ma fu la scritta sotto la figura solitaria che impugnava il bastone: Noel. Nora trattenne il respiro, ma si sforzo' di affrontare la cosa lucidamente.
-Chi sono questi uomini?-chiese.
-Una tribu'-, rispose senza esitazioni il bimbo, e con un tono che indicava che per lui il termine era sufficiente a definire il gruppo senza bisogno di altri dettagli.
-Una tribu' di uomini primitivi?
-Una tribu' di uomini.
Nora, dopo una breve pausa, chiese ancora: -Una tribu' di soli uomini?
-No, ci sono anche le donne. Ma nel disegno non si vedono.
Nora annui'.
-E la donna con la bambina? Non sono parte della tribu'?
-No. Sono neandettal.
-Come sai che sono Neanderthal?
-L'ho studiato a scuola. C'e' una foto sul libro di storia.
-Una foto? Vuoi dire un disegno.
-No, una foto. L'ho fatta vedere anche a Bianka. Lei si e' spaventata.
-E tu perche' sei nel disegno?
-Io sono un membro della tribu'.
Nora fisso' il figlio negli occhi, che ricambio' lo sguardo in silenzio, senza battere ciglio.
-E perche' hai il bastone alzato? Vuoi mandare via i Neanderthal?
-Voglio ucciderli.
-Cosa!? Noel, ma cosa stai dicendo?! Perche' vuoi ucciderli?- Nora era sconvolta.
-Sono diversi.
-Che significa “sono diversi”?!
-Il loro odore e' diverso.
-Il loro...?- Nora fisso' suo figlio a bocca aperta. Fece un respiro per calmarsi, poi disse: -E quando mai hai annusato un Neanderthal, tu? Che poi neanche distingui l'odore dell' arrosto di pollo da quello di maiale!
Ora basta con questi discorsi. Non e' bello parlare di uccidere.
-Neanche se sono diversi?
-Neanche se sono diversi. Ascolta-, disse Nora piegandosi a carezzare la testa del bambino e posando il disegno sulla scrivania, -hai fatto un bellissimo disegno. Ma usare un bastone anche solo per picchiare un'altra persona non e' bello. Non parliamopoi di uccidere qualcuno. Domani voglio che tu faccia un altro disegno, lo farai per me. Un disegno in cui tu, gli uomini della tribu' e la donna Neanderthal con sua figlia giocate tutti insieme. Me lo fai questo disegno, domani?
Noel guardo' sua madre negli occhi e annui'. Nora gli sorrise.
-Grazie. Adesso fila a letto.

Quando Nora scese in cucina, suo marito la accolse da dietro una rivista che stava leggendo seduto a tavola di fronte ai resti della cena.
-C'e' un interessante articolo-, disse Marton. -Pare che dall'1 al 4 per cento del nostro DNA corrisponda a quello dei Neanderthal. Degli scienziati hanno fatto una mappatura del genoma dei Neanderthal e di quello delle popolazioni d'Europa e del Medio Oriente, e pare che ci sia stata qualche mescolanza fra Neanderthal e Sapiens.
-Oggi vanno di moda i Neanderthal, a quanto pare-, lascio' andare Nora in tono piccato.
-Eh?!
Nora scosse la testa, sorridendo. -Noel mi ha appena mostrato un disegno con degli uomini primitivi. Una tribu' di Sapiens, direi, e poi una donna e una bambina che lui dice essere Neanderthal.
Marton annui. -E in quale modo questo ti ha sconvolta? Hai la faccia sconvolta, quindi non negare.
-Noel ha disegnato anche se stesso fra i Sapiens-, disse Nora con un sospiro. -Con un bastone in mano. Per uccidere i Neanderthal.
-Per uccidere i Neanderthal?!
-Esatto-, sospiro' lei, annuendo al marito. -Me lo ha detto lui. Ucciderli perche' sono diversi.
-Uau. Sono senza parole.
Pero' non mi pare una cosa cosi' grave.
-Che nostro figlio parli di uccidere qualcuno non e' grave? Ma cosa dici!
-Dico che Noel non ha neanche sette anni, che a scuola gli stanno spiegando dei Sapiens e dei Neanderthal e di come i Sapiens hanno preso il dominio del pianeta. Gli avranno detto che le due razze hanno combattuto una guerra, et voila', ecco i suoi discorsi sull'uccidere.
Nora scosse la testa. -Non sei minimamente preoccupato, tu.
-Onestamente, no. Credo tu stia facendo la cosa piu' grave di quello che e'.
-Comunque gli ho chiesto di farmi un altro disegno, domani. Uno in cui i Sapiens e i Neanderthal sono amici.
Marton spalanco' gli occhi e si strinse nelle spalle. -Non pare che le cose siano andate proprio cosi', ma... okay.
-Pff!- sbuffo' Nora. -Fammi vedere questo articolo cosi' interessante.- E sfilandogli la rivista dalle mani gli si sedette in grembo.

-Ahahah! Devi avere un po' del loro sangue, tu!
-Smetti!
Altre risate si unirono al coro. La rabbia di suo padre divertiva gli altri uomini.
-Sei l'unico che ha avuto una figlia da una come lei. Dovete essere simili.
-Sono l'unico abbastanza uomo da averne ingravidata una!
Se ne ando', per non vedere suo padre arrabbiato. Camminando senza meta ai margini dell'accampamento, senti' la bambina cantare. Un canto senza parole. Lo stesso canto della donna. C'era qualcosa di strano in quel canto, come se fossero piu' voci sovrapposte, lontane e stranamente in armonia fra loro. Si fermo' in attesa e dopo un attimo, attraverso i cespugli, vide la bambina. Camminava da sola, strusciando i piedi nell'erba. Pareva cantasse ai fiori. Il suono della sua voce era rilassante. Ma nel momento stesso in cui l'odore di lei lo raggiunse senti' i peli del suo corpo rizzarsi. La bellezza del canto scomparve e davanti a se' vide solo un animale pericoloso nella sua diversita'. Usci' da dietro i cespugli.
La bambina si ritrasse spaventata, lo fisso' con occhi sgranati, poi si lancio' di corsa in direzione di sua madre.
Diversa. Il suo odore rimase a sporcargli le narici, mentre rabbia e paura si mescolavano nel suo ventre.

Marton entro' in camera di suo figlio. La piccola lampadina posizionata sulla scrivania, che tenevano accesa tutta notte, sprigionava una luce soffusa che arrivava fino al letto.
-Papa'...- mormoro' Noel aprendo a meta' un occhio. -C'e' una bambina che canta.
Poi Noel sprofondo' nuovamente nel sonno.
Marton raggiunse la scrivania, curioso di vedere il disegno che aveva sconvolto sua moglie. Quando lo vide inspiro' l'aria per la sorpresa. Le figure della donna e della bambina erano state cancellate con una croce rossa e ridisegnate stese in terra, le braccia e gambe allargate, gli occhi spalancati e il sangue che fluiva dai loro crani. Il bastone che la figura rappresentate Noel stringeva in mano adesso era tutto rosso.
Marton rivolse uno sguardo preoccupato a suo figlio. Prese il foglio col disegno e piegatolo in quattro se lo mise nella tasca posteriore dei pantaloni. Meglio che Nora non vedesse come Noel aveva modificato il disegno dopo che lei era scesa in cucina. E l'indomani doveva ritagliarsi un paio d'ore libere per lasciare l'ufficio ed andare a parlare con lo psicologo della scuola di Noel.

Posseduto da una decisione che non aveva mai provato prima di allora, attese nascosto che la bambina, distratta dai suoi giochi, gli arrivasse vicino. Rafforzando la sua presa sul bastone inspiro' profondamente e, con un grugnito e la bocca distorta da un ringhio d'odio, si lancio' fuori dai cespugli. Il bastone si alzo' ed abbasso', senza che la bambina facesse in tempo a gridare. Grido' quando il bastone colpi' il suo braccio sollevato a intercettare il colpo, l'espressione di stupore spazzata via e sostituita da una di dolore.
-Muori!- grido' con rabbia, sollevando ancora il bastone in un movimento goffo e raggiungendo solo parzialmente col colpo successivo la bambina che stava cadendo.
Il pianto e le urla della bambina si mescolarono ai suoi grugniti mentre tornava a colpirla un'altra volta, impattando parzialmente col terreno la punta del bastone. Lo sollevo' ancora sopra la testa per sferrare una quarta bastonata, questa volta distanziandosi correttamente con un passo all'indietro. Ma quando fu il momento di lasciare andare il colpo le sue braccia non si mossero, come se stesse tentando di muovere un albero e non un bastone. Una frazione di secondo dopo l'arma fu strappata con forza dalla sua presa, ferendogli il palmo delle mani. Si volto' senza capire, giusto in tempo per vedere il manrovescio della donna che lo centro' in pieno viso, sollevandolo da terra e catapultandolo ad un metro di distanza.
Per un po' vide tutto nero, poi la vista torno' chiara e vide la donna china sulla figlia piangente ed un attimo dopo suo padre piombare su di lei, colpendola al viso con una ginocchiata. La donna piombo' sulla schiena, ma, prima che suo padre potesse esserle sopra, si era gia' rialzata su un ginocchio e lo colpi' allo stomaco con una spallata. I due rotolarono a terra, colpendosi e mordendosi a vicenda. Si divisero e rialzarono, suo padre sferro' un pugno alla donna e la colpi' su un orecchio, lei, quasi insensibile al pugno, reagi' spingendolo con entrambe le mani e scaraventandolo a terra. Vicino al bastone. Suo padre lo afferro' e piombo' sulla donna, ferma ad aspettarlo, sferrandole un violento colpo che la prese al fianco sinistro. Con un verso strozzato, non dissimile da quello di alcuni animali nel momento in cui venivano uccisi durante la caccia, la donna piombo' a terra, inerme.
Lo scontro era finito.
Suo padre pianto' i piedi a terra, ben larghi, ed alzo' il bastone sopra la testa, pronto a finire la donna boccheggiante distesa davanti a lui. Una sensazione di esultanza gli pervase il petto. Poi vide i muscoli sulla schiena di suo padre rilassarsi ed il bastone abbassarsi lentamente. Suo padre si volto' verso di lui.
-Vai a prendere la corda.
Lui capi' subito a quale corda suo padre si riferisse. Annui', si sollevo' da terra e corse verso la tenda, passando di corsa fra gli altri membri della tribu' che avevano assistito da lontano ed ora si avvicinavano lentamente.
Quando torno' indietro con la corda di fibre vegetali intrecciate terminante in un cappio, la bambina era strisciata da sua madre e la abbracciava, piangendole su una spalla; la donna aveva passato un braccio intorno alla piccola, con fare protettivo. Suo padre stava ancora dove lui lo aveva lasciato e stava parlando con altri due uomini.
-Domani la porto dalla tribu' del lago-, gli senti' dire prima che, vedendolo, si interrompesse e gli facesse segno con la mano di passargli la corda.
Gliela prese di mano bruscamente, lascio' cadere il bastone e si avvicino' alla donna, facendole scivolare il cappio intorno al collo. Quindi dette uno strattone per stringerlo, strappando alla donna un grugnito soffocato. Un secondo strattone le tiro' la testa all'indietro e dette il via ad un accesso di tosse, mentre le mani cercavano freneticamente di allentare la fune.
-Vieni!- le ordino' suo padre quando fu nuovamente in grado di respirare a sufficienza e tendendo appena la corda. La donna si alzo' a fatica, stringendosi il fianco, e lo segui' docilmente a capo chino. La bambina, sempre piangendo, si aggrappo' alla veste della madre ed ando' con lei.

* * *
Chiudendo la portiera' della macchina con un gesto stanco Marton alzo' lo sguardo verso la finestra illuminata della cucina. Avranno gia' finito di cenare, penso' sconsolato, e si avvio' lungo il marciapiede. L'incontro con lo psicologo della scuola non lo aveva lasciato soddisfatto. In compenso, a causa di quelle due ore che aveva speso per andare alla scuola e parlare col dottore, era stato costretto a fare tardi in ufficio.
-Sei arrivato, finalmente-, disse sua moglie con un sorriso mesto quando lui entro' in cucina. -Cos'e' successo?
-Poi ti spiego-, rispose lui stancamente. -Fammi mandare giu' un boccone, prima. Sto morendo di fame.
-Certo.
-Ciao, amore-, disse a Bianka chinandosi a darle un bacio sulla fronte. -Come stai?
-Uuh-, fu l'unica risposta che ottenne, mentre la bimba gli passava i braccini intorno al collo e lo baciava su una guancia.
La notte precedente Bianka aveva avuto un altro incubo, costringendo Nora a passare il resto della notte con lei una volta ancora. L'avevano tenuta a casa di nuovo, ma non pareva averle giovato molto, a giudicare dalla sua cera.
-Ciao, peste-, disse a Noel quando Bianka lo svincolo' dall'abbraccio.
Noel, che fino a quel momento non aveva proferito parola ed era rimasto tutto il tempo guardare nel piatto, alzo' gli occhi verso di lui.
-Ciao.
-Come stai?
-Bene.
-Com'e' andata a scuola?
-Bene.
-Tutti di poche parole, stasera-, commento' Marton annuendo a se stesso.
-Ecco la tua cena. Io porto i bambini a letto.
Marton le fece un cenno affermativo, mentre prendeva posto a tavola. La guardo' prendere Bianka in braccio e dire a Noel di precederla su per le scale. Quando i tre furono scomparsi su per le scale si tuffo' sul cibo, finendolo senza neanche rendersi conto di cosa stesse mangiando.
Quando Nora torno' in cucina stava sorseggiando un bicchiere di vino, rilassato contro lo schienale della sedia, il braccio sinistro che gli penzolava al fianco e lo sguardo fisso nel nulla.
-Allora,- esordi' Nora, -spiegami adesso.
-Sei sicura che Noel dorme?
-Mi stai facendo preoccupare. Certo che dorme.
Marton annui'.
-Sono stato a parlare con lo psicologo della sua scuola, questa mattina, per questo poi ho dovuto fare tardi in ufficio.
-Con lo psicologo? E perche'mai?
-Per il disegno che Noel ha fatto ieri.
-Sei andato a parlare col suo psicologo per il disegno? Ma non ero io quella che stava prendendo la cosa troppo seriamente?
Marton sospiro', e dopo aver bevuto un altro sorso di vino, disse: -Dopo che lo hai lasciato solo in camera, ieri sera, Noel ha cambiato il disegno.
Dato che Nora lo fissava senza capire, Marton poso' il bicchiere sul tavolo e, dalla tasca posteriore dei pantaloni, prese il disegno di suo figlio. Il foglio era piegato in quattro: lo apri' e dispiego' con attenzione, e dopo avergli dato un'ultima occhiata lo passo' a sua moglie. Nora lo prese con entrambe le mani, lo fisso' a lungo, quindi rivolse uno sguardo inorridito a Marton.
-Ma come...?
Marton si strinse nelle spalle. -Lo psicologo ha ribadito piu' volte che probabilmente non significa niente. E' normale che i bambini passino fasi del genere, ha detto. Pero' mi ha fatto un sacco di domande, ed alcune mi hanno lasciato un po' perplesso.
-Che domande?
-Mi ha chiesto se Noel avesse fatto altri disegni simili, se ci fossero stati episodi di violenza con altri bambini o meglio bambine e in particolare con la sorella. E... se avesse mai ucciso degli animali.
-Ucciso degli animali!?- Il tono di Nora era passato dall'inorridito all'offeso. -Violenza contro altre bambine o la sorella? Ma di cosa stiamo parlando?
-Ha detto che, essendo comparso tutto all'improvviso, sicuramente non e' niente altro che la riproduzione di qualcosa che ha visto o sentito.
Pero' mi ha consigliato di portarlo da uno specialista. Mi ha dato il numero di un suo collega.
-Mpff! Certo. Qui si sta esagerando. E poi, se devo dirla tutta, mi preoccupano di piu' gli incubi di Bianka.
-Sei riuscita a farti dire che cosa sogna?
Nora scosse la testa. -Si rifiuta di dire una singola parola al riguardo.
-Anche Noel ha detto di aver fatto dei sogni. Ha sognato una bambina, dice. Chissa' se le cose sono collegate.
-E come potrebbe essere?- mormoro' Nora.

Sua madre era stanca. Lo capiva dal suo passo e dalle spalle basse. Piu' stanca di lei. Sentiva dolore. L'uomo la strattonava con la corda, di tanto in tanto, anche se lei non rimaneva indietro. Avevano camminato tutto il giorno ed ora stavano percorrendo un sentiero lungo le rive di un grande lago. Del fumo di levava da dietro gli alberi e voci arrivavano da lontano al suo udito fino.
Infine il sentiero usci' dal bosco e, su un lungo tratto di riva completamente spoglia, un villaggio si rivelo' alla vista. Per lo piu' erano tende, ma c'erano anche alcune case di tronchi legati con corde, molte delle quali costruite sull'acqua e sorrette da robusti pali. C'erano donne e bambini, e molti cani. Il branco, non appena annuso' i nuovi arrivati, si lancio' di corsa verso di loro, latrando e ringhiando. Gli uomini del gruppo li tennero a distanza coi bastoni delle loro lance, ed un paio piu' aggressivi nei confronti suoi e di sua madre provarono anche le punte di selce.
Alcuni del villaggio vennero loro incontro, e l'uomo ando' a parlar loro. Lo vide indicarle, gli uomini del villaggio guardare nella sua direzione; uno di loro le punto' a sua volta, dicendo qualcosa. Poi scosse la testa alla risposta dell'uomo, che comincio' a gesticolare rabbiosamente. Infine, scuotendo la testa, fece ritorno verso il suo gruppo.
-La donna non la vogliono.- disse con rabbia. E, puntando ad uno dei suoi compagni, aggiunse: -Porta loro la bambina.
Si senti' afferrare improvvisamente per i capelli e con uno strattone fu costretta a camminare. Grido', chiamando sua madre, la cui risposta disperata si tronco' in un gemito. Cerco' di girarsi verso di lei, per vedere cosa succedeva, ma altre mani la afferrarono, resero ogni sua convulsa resistenza inutile, e dopo non molto non riusci' piu' a sentire l'odore di sua madre.
A quel punto, la paura la immobilizzo'.

-Buongiorno, peste. Come stai?- disse Marton sedendosi a tavola per la colazione.
-Bene-, rispose Noel senza alzare la testa dal piatto.
-Hai fatto ancora sogni?
Noel annui'.
-La stessa bambina?
-La bambina non c'e' piu'.
Marton fu colto un po' di sorpresa dalla risposta. -Non c'e' piu'?
-No.
-Come mai?
-E' stata venduta.
-Ve... venduta?! Chi l'ha venduta?
Noel si strinse nelle spalle e suo padre non aggiunse altro.

Il giorno trascorse tedioso. Nora a casa con Bianka, che di tanto in tanto cominciava a piangere senza motivo apparente, cadendo spesso in un sonno agitato che non la ristorava. Noel a scuola, disinteressato a tutto, intento solo a disegnare scene viste in sogno e infine recluso in un'aula vuota con un insegnate di sostegno per evitare che si creassero problemi con gli altri bambini. Marton in ufficio, incapace di concentrarsi sul lavoro, i suoi pensieri che si rincorrevano in cerca di una connessione fra cio' che succedeva ai suoi figli, spesso sul punto di chiamare lo psichiatra ma sempre rinunciando per paura di non riuscire a spiegare cosa succedesse.
Infine giunse la sera, la famiglia si riuni' a tavola per cenare ma nessuno parlo'. Noel mangio' tutto cio' che aveva nel piatto poi, improvvisamente, si alzo' e si avvio' verso le scale.
-Vado a dormire-, disse.
Marton guardo' sua moglie: l'espressione sgomenta sulla faccia di lei era sicuro che rispecchiasse la sua. Bianka le si era addormentata in braccio. Guardo' la bimba, poi fisso' Nora negli occhi
-Devono essere collegate-, mormoro'.
Nora annui', i suoi occhi che lentamente si spostavano verso le scale.
Solo vagamente cosciente di cio' che aveva intorno o di cio' che stava facendo, Noel sali' al piano superiore, fece tutti i preparativi per mettersi a letto, spense la luce sulla scrivania, quella che rimaneva accesa tutta la notte, e si infilo' sotto le coperte. Era buio e...

...steso nel buio guardava verso l'ombra che era suo padre, confrontato dalla donna. Le grida di lei avevano ferito le sue orecchie per tutto il tempo da quando avevano lasciato la tribu' del lago.
-Tu no mannu!
-Taci!
-Tu no mannu!
-E' mia figlia! Ci faccio cio' che voglio.
Improvvisamente la donna fu libera, le corde che la trattenevano strappatesi, e con un grido aggredi' suo padre. Grida di allarme si levarono dagli altri uomini presenti, mentre la donna e suo padre si fondevano in un'unica ombra. Il pugno di lei si alzo' piu' volte per abbattersi sulla testa di suo padre, che a sua volta la colpiva allo stomaco. Improvvisamente la donna emise un grugnito e si piego' su se stessa, suo padre la spinse indietro e lei cadde a terra, senza piu' muoversi. Nella mano di suo padre il pugnale di osso grondava sangue.
-Portatela nei cespugli-, ordino' suo padre nel silenzio che segui' la fine della collutazione.
Suo padre venne verso di lui, si lascio' cadere a terra e pianto' con rabbia il coltello nel terreno.
-Una capra gravida, mi hanno dato-, disse a denti stretti. -E consigliato di aspettare che i capretti crescano prima di ammazzarli. Puah! Dovrei farmi dare la bambina indietro e finire il lavoro.
Anche nel buio, i segni dei colpi ricevuti erano visibili sul suo viso. Suo padre si distese, continuando a ripetere: -Dovevo finire il lavoro.

* * *

-Devo finire il lavoro...
-Hai detto qualcosa?- chiese Nora al figlio. Quel giorno avevano chiamato da scuola per dirle che Noel non faceva niente durante le lezioni se non disegnare di uomini primitivi. Gli insegnanti volevano parlare con lei e suo marito.
Noel la guardo' senza capire
-Che cosa hai detto?
-Niente.
-Stavi mormorando qualcosa.
-No. Vado di sopra.
-Va bene, ma cerca di non svegliare Bianka, per favore. E' un miracolo che stia dormendo.
-Uh-uh.
-E cerca di non addormentarti tu. Tra poco tuo padre ritorna e ceniamo.
Noel annui' e Nora non gli presto' piu' attenzione, concentrandosi sulla preparazione della cena. Marton pensa che ci sia un collegamento, di disse. Ma quale? Noel e' fissato coi Neanderthal... Riuscissi a farmi dire da Bianka che cosa sogna!
E mentre continuava a rigirarsi questa domanda in testa Marton rientro' ed entro' in cucina senza che lei se ne accorgesse.
-Ciao.
-Oh...? Scusa! Non ti ho sentito rientrare.
-Fa niente. Non ti ho spaventata, vero?- chiese Marton avvicinandolesi per baciarla in fronte.
-No no. Come stai?
-Insomma. Oggi mi ha chiamato lo psicologo della scuola.
-E io sono stata chiamata dalla segreteria...
Marton la fisso' mortificato. -Non e'colpa tua-, disseNora scuotendo la testa. -Gli insegnanti vogliono parlarci. Che cosa voleva lo psicologo? E perche' non ci parla lui con gli insegnanti?
-Privacy. Lo sai che non possono proferire parola. Probabilmente neanche ha detto agli insegnanti che sono andato a parlargli.
Comunque... Voleva sapere se avevo preso un appuntamento col suo collega.
-Che gli hai detto?
-Che dovevo dirgli? Che non ho ancora chiamato, perche' non sapevo come presentare la cosa.
-E lui?
Marton fece una pausa per raccogliere i pensieri, poi disse: -Credo che a quel punto abbia cercato di mettermi apprensione. Come se ce ne fosse bisogno. Ho promesso di farlo domani. Con Noel e Bianka che peggiorano di giorno in giorno ho perso anche troppo tempo.
A proposito, dove sono?
-Bianka, incredibile, sta dormendo. Credo per lo sfinimento. Noel e' andato di sopra. Probabilmente a fare un altro di quei suoi disegni orribili sui Neanderthal!
-Ssh! Non usare questo tono, amore. Non farti prendere dalla rabbia.
-Scusa... E'... e' che ho paura...
Marton annui'.
-E' quasi pronto-, disse Nora ricomponendosi. -Vai a chiamare Noel?
-Certo.
Marton usci' dalla cucina a passo stanco, solo per rientrare pochi momenti dopo con fare guardingo.
-Hai tirato fuori tu la scatola degli arnesi dal sottoscala?- chiese.
-La scatola degli arnesi? No.
-Allora e' stato Noel.
-Per farci che?!
-Spero non per fare danni. Vado su.
Marton sali' stancamente le scale, sperando in cuor suo che Noel non stesse segando i mobili in camera sua. Quando raggiunse il piano senti' la voce di Noel attraverso la porta semiaperta della camera di Bianka.
-...diceva che non siamo umani. Ma io ho finito il lavoro di mio padre.
Ma cosa diavolo...?
-Tua madre diceva che noi non siamo mannu. Diceva che non siamo umani. Ma io ho finito il lavoro di mio padre.
Marton apri' la porta.
-Tua madre diceva che noi non siamo mannu...
Noel parlava a Bianka, che stava distesa sul letto.
-...diceva che non siamo umani...
In mano stringeva il martello preso dalla cassetta degli attrezzi, rosso di sangue che grondava lento a terra in filamenti venati di grigio.
-...ma io ho finito il lavoro di mio padre.
Bianka era una figura rattrappita sul letto inondato di sangue, il cranio un ammasso di ossa, denti, carne rossa e materia grigia.
-Tua madre diceva che noi non siamo mannu. Diceva che non siamo umani. Ma io ho finito il lavoro di mio padre.
Marton arretro' barcollando, cercando di trattenere ora un urlo, ora un conato di vomito. Urto' di schiena contro la parete del corridoio e si lascio' scivolare sul pavimento.
-Tua madre diceva che noi non siamo mannu. Diceva che non siamo umani. Ma io ho finito il lavoro di mio padre.
Marton comincio' a piangere.